Istituto Comprensivo Statale "Padre Pino Puglisi" Palermo
Le parole e i fatti «E' importante parlare di mafia, soprattutto nelle scuole, per combattere contro la mentalità mafiosa, che è poi qualunque ideologia disposta a svendere la dignità dell'uomo per i soldi. Non ci si fermi però ai cortei, alle denunce, alle proteste. Tutte queste iniziative hanno valore, ma, se ci si ferma a questo livello, sono soltanto parole. E le parole devono essere confermate dai fatti».
Beato Giuseppe Puglisi
Istituto Comprensivo Padre Pino Puglisi
Home H | Accessibilità sito web W | Padre Pino Puglisi Q |

Colazione in bottega 2018

La 3F in visita da Macondo: commercio equo solidale

data articolo 16/02/2018 autore Gabriella Notarbartolo   Indietro
foto articolo
Foto: Macondo photogallery
Il 16 febbraio 2018 la 3^F accompagnata dai docenti G. Notarbartolo e M. Di Maggio si è recata da Macondo, una bottega specializzata nel commercio equo solidale.

Questa bottega, sita in via Ariosto n. 20, è nata nel 1993 e da sempre si occupa di commercio equo solidale. I ragazzi hanno assistito a una lezione su questo tema, venendo a conoscenza di questa forma di commercio internazionale, che punta a far crescere e sviluppare aziende e attività produttive nei paesi in via di sviluppo, offrendo loro un canale commerciale alternativo a quello dominato dalle multinazionali.

Grazie al commercio equo e solidale i contadini e gli artigiani non sono più sfruttati e ottengono un’equa retribuzione. Per aiutare, dunque il Sud del Mondo, nel nostro piccolo, possiamo acquistare i loro prodotti, soprattutto tè, caffè, cioccolato, zucchero e piccolo artigianato, e in questo modo attuiamo il cosiddetto consumo critico, cioè l’acquisto consapevole.

Ai ragazzi è stata presentata la carta geografica di Peters, uno storico e cartografo tedesco, sensibile dell’equità economica e politica per tutte le popolazioni mondiali, che nel 1973, vedendo che nelle cartine tradizionali create da Mercatore nel XVI sec. c’erano delle discrepanze rispetto alla realtà, propose una nuova proiezione cartografica della Terra, in contrapposizione a quella, più utilizzata, di Mercatore dove l’Europa era al centro del mondo. Nella “Carta di Peters”, vengono rispettate le proporzioni tra le superfici dei continenti, questo perché il cartografo voleva porre sullo stesso piano paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo. A partire dall’analisi di questa carta geografica i ragazzi hanno riflettuto su come in maniera immorale il nord del mondo sfrutti le risorse del sud del mondo condannandolo alla povertà, alla fame e alla miseria.

Inoltre, i ragazzi sono venuti a conoscenza anche diverse iniziative ecologiche che rientrano nella rete del commercio equo solidale: in Colombia attraverso il riciclaggio di pneumatici e camere d’aria vengono fabbricati borse e borsellini, in Sri Lanka viene utilizzata la “pupù” di elefante alla cellulosa per fabbricare carta e cartoncini.

Alla fine dell’attività le Responsabili di Macondo hanno offerto una colazione a base di biscotti, tè e altre leccornie, tutto all’insegna del consumo critico.

Guarda le foto nella photogallery.

VisiteVisite  Macondo Macondo  Commercio equo solidale Commercio equo solidale

Visite: 266

Inserisci commentoINSERISCI UN COMMENTO