Istituto Comprensivo Statale "Padre Pino Puglisi" Palermo
Le parole e i fatti «E' importante parlare di mafia, soprattutto nelle scuole, per combattere contro la mentalità mafiosa, che è poi qualunque ideologia disposta a svendere la dignità dell'uomo per i soldi. Non ci si fermi però ai cortei, alle denunce, alle proteste. Tutte queste iniziative hanno valore, ma, se ci si ferma a questo livello, sono soltanto parole. E le parole devono essere confermate dai fatti».
Beato Giuseppe Puglisi
Istituto Comprensivo Padre Pino Puglisi
Home H | Accessibilità sito web W | Padre Pino Puglisi Q |

Colazione in bottega 2017

La 3F in visita alla bottega di commercio equo solidale Macondo

data articolo 30/05/2017 autore Gabriella Notarbartolo   Indietro
foto articolo
Foto: Foto di gruppo davanti la bottega Macondo photogallery
Il 30 maggio 2017 la 3^F accompagnata dai docenti G. Notarbartolo e S. Caruso si è recata da Macondo, una bottega specializzata nel commercio equo solidale.

Questa bottega, sita in via Ariosto n. 20, è nata nel 1993 e da sempre si occupa di commercio equo solidale. I ragazzi hanno assistito a una lezione su questo tema, venendo a conoscenza di questa "forma di commercio internazionale, che punta a far crescere e sviluppare aziende e attività produttive nei paesi in via di sviluppo, offrendo loro un canale commerciale alternativo" a quello dominato dalle multinazionali.

Grazie al commercio equo e solidale i contadini e gli artigiani non sono più sfruttati e ottengono un'equa retribuzione. Per aiutare, dunque il Sud del Mondo, nel nostro piccolo, possiamo acquistare i loro prodotti, soprattutto tè, caffè, cioccolato, zucchero e piccolo artigianato, e in questo modo attuiamo il cosiddetto consumo critico, cioè l'acquisto consapevole.

Alla fine dell'attività i ragazzi hanno deliziato i loro palati grazie alla colazione a base di prodotti equo-solidali offerta da Macondo.

Vedi le foto nella photogallery.

VisitaVisita  Macondo Macondo  Commercio equo solidale Commercio equo solidale

Visite: 184

Inserisci commentoINSERISCI UN COMMENTO